L’antidoto

Accade che quando qualche “sommo” esegeta
mi riscontra plaudente
descrivendomi poeta fuori dalla norma
io atterri immantinente tra le braccia della Norma ,
mia nutrice fai da te anniquaranta
e poi alacre istitutrice / fidanzata

L’ubiqua postura mi inquieta non poco :
un afflato innocente ( perdente ? )
si confonde
col mio ego dissoluto ed egemone

Alla postura chiedo
di far entrare una poesia d’amore
a poco a poco
dal buco della serratura

Scrivi un messaggio

    Leave a Reply

    You must be logged in to post a comment.