Disamore? (Roma docet)

La mia città indisponente
si difende così bene
che è un piacere attaccarla :
con un ghigno non cattivo
( cattivista )
si può provare ad appenderla
per gioco , al fatidico chiodo
come i guantoni di gran boxeur
grondanti inerzia esplosiva ed onusta grandeur
Si noterà
-dentro una luce lasca e un poco impertinente
che la nuova emozione
altro non è che la rappresentazione al bacio
di una specie di galateo d’antan rovesciato
dove tutto risplende per l’ultima volta
( e rieccoti ancora l’amore )

Scrivi un messaggio

    Leave a Reply

    You must be logged in to post a comment.